Per me stare al pc e navigare in internet è una sorta di relax che mi piace potermi godere in tutta la tranquillità della sera. Lavoro tutto il giorno, arrivare a casa e potermi guardare qualche video su Youtube, una bella serie TV o semplicemente fare un po’ di (inutile) scrolling sulla home di Facebook, ecco, mi rilassa.

Lasciamo stare il fatto che spesso leggo cose irritanti che mi fanno innervosire, come per esempio quelle odiose news-bufala evidenti come l’azzurro del cielo, ma che alcuni dei miei contatti si ostinano a condividere prendendole per vere. Non capisco come sia possibile credere a certe fesserie, spesso cariche d’odio e di razzismo, è una cosa che veramente mi fa andare fuori di testa.

Però fa parte del “contratto” che io, idealmente, ho stipulato col mondo del web, so a cosa vado in contro quando faccio il login sui Social Network, quindi non c’è problema. Frequento assiduamente anche un paio di forum dedicati al mondo dei libri, e i forum, devo dirlo, sono ben peggio di Facebook.

Il motivo? I pop-up. Non uso AdBlock o simili perché non pago niente su Internet, quindi mi sembra il minimo garantire degli introiti a chi mi offre un servizio gratuito, tenendomi la pubblicità, ma certe volte si esagera! Ieri mi si saranno aperte 10 finestre con pop up dedicati a qualsiasi cosa: un sito di incontri, un sito per il gioco d’azzardo online, un sito per approfittare di una promozione per viaggiare, un pop up con scritto Clicca qui se cerchi una casa in vendita a Bolsena.

Quando poi i pop up emettono anche dei suoni, allora sì che il relax va a farsi benedire e anche le mie buone intenzioni di tenermi tutta la pubblicità per garantire entrate a qualcuno.